giovedì, ottobre 29, 2009

Nebbia


Sapevo già che l'indomani pomeriggio il lavoro non m'avrebbe concesso il tempo necessario alla corsa....ho impostato quindi la sveglia, in anticipo rispetto al levar del sole.
Mi sveglio, o quasi, mi vesto ed esco. Ed eccola! La prima nebbia! Tutto dorme sotto quel manto.
Proseguo assonnato nei miei kilometri finchè in fondo al rettilineo che fende la campagna, un'auto punta i fari verso di me.
Lo spettacolo è inimmaginabile. La nebbia sollevatasi di 3 metri dal suolo, crea un tunnel bianco illuminato dai fari in lontananza.
Come se si scostassero le coperte, il mondo si sveglia ed io con lui, il naso si riempe di odore di terra umida.
Per un lungo istante chiudo gli occhi....senza perdere il passo.

(quanto mi piace la nebbia)

8 commenti:

Simo ha detto...

Ciao Berso,
anche a me piace correre al mattino presto,pero' durante il periodo estivo, alle cinque mezza quando ancora non ci sono auto in giro, il sole è già spuntato e l'aria ancora fresca ti accarezza...

Baol ha detto...

Beh, questo elogio della nebbia è molto bello...certo...quando la becchi non dico in auto ma sulle piste da sci...tanto piacevole non è...però è affascinante.


Martedì il caffè ci DEVE stare, per forza mentre per le parole che hai proposto...sorry, troppo tardi ormai ho chiuso alle proposte per 'sto giro

berso ha detto...

anche a me Simo piace un casino!
dai, prima o poi ci facciamo una corsa assieme....se mi aspetti.
Baol, io adoro la nebbia!
e sappi che sei un pavido!!!! getti la spugna così......blaaaaaa :-)

Simo ha detto...

Berso senz'altro sarai tu ad aspettarmi, in questo ultimo periodo la corsa è stata parecchio trascurata.Baol...sei molto sibillino,nn riesco a capirti evidentemente mi sono persa qualche pezzo x strada!!!!

Baol ha detto...

@ Simo: Sibillino? Allora spiego, vabbè, nella prima parte del commento non c'è nulla da dire semplicemente che mi è capitato un paio di volte di trovarmi sulle piste da sci con la nebbia e mi sentivo immerso nel latte.
Quanto alla seconda parte, spero di prendere un caffè con il caro cuoco domani, visto che viene a Milano...per le proposte invece, qualche giorno fa, visto che la mia creatività latitava, ho chiesto ai miei lettori di proporre tre parole: un sostantivo, un aggettivo ed un verbo, ed io ci avrei costruito sopra un raccontino; il termine ultime per proporre le tre parole era martedì a mezzanotte ed il caro cuoco non me le ha date in tempo...ed ora mi dà del pavido...tzè :D
Io ho pure già iniziato a postarli i raccontini :)

Simo ha detto...

Ojk grazie Baol, ora ho capito, come si dice....meglio tardi che mai...

Psycook ha detto...

Dimenticavo...non prendertela, dal momento che il figlio della Bouchet fa marchette persino con Findus spacciandosi per cuoco, che ci vuoi fare?
pensa che esiste una "Food blogger" -minchia che figata..- che tiene lezioni da Eataly...potenza della marchetta!

Baol ha detto...

@ Simo: Sempre a disposizione :)