venerdì, luglio 18, 2008

L'ultima ricetta prima del mare.


COSCIA DI POLLO AL MARSALA.

Molto semplice da preparare.

Si prende la coscia di pollo e la si disossa; si sala e si aggiunge un po' di pepe.
Una foglia di salvia e mettete in frigo per un'oretta.
Togliete dal frigo la carne e, lasciando la salvia, aggiungete una fetta di culatello (prosciutto, coppa, spalla vanno bene comunque) ed una scaglia di parmigiano reggiano.

Richiudete con cura e legate non troppo stretto.

Fate scaldare una padella antiaderente con un filo d'olio ed uno spicchio d'aglio in camicia; quando l'aglio sarà leggermente dorato, toglietelo e scottate la carne su tutti i lati.

Quando sarà ben dorata, toglietela dalla padella e getatte l'unto formatosi; sfumate con 1/2 bicchiere di vino bianco secco e fate ridurre quasi completamente.

A questo punto versate 2 bicchieri di marsala e fiammeggiate. (fate attenzione a tenere la fiamma bassa). Quando l'alcool sarà esaurito, unite un bicchiere di brodo di carne (per chi ce l'ha, 1/2 bicchiere di fondo di pollo), 1 cucchiaio di aceto balsamico ed un pizzico di zucchero. Rimettete la carne nella salsa e portate a cottura lentamente con un coperchio.

A fine cottura, un cucchiaio di panna liquida ed una aggiustatina al sale.

BUONE SETTIMANE IN MIA ASSENZA (era ora, direte voi)

CI SENTIREMO SALTUARIAMENTE DA VIAREGGIO.

(per chi sarà nei paraggi in queste settimane, se mi manda un sms gli offro un gelato alla passerella del Lido di Camaiore 3475336957).


ARVEDRES!

domenica, luglio 13, 2008

FOXY LADY

E' un periodo strano...
sono in ferie, dovrei essere rilassato e tranquillo, ma non lo sono completamente.
Ho un amico con dei problemi e la cosa un po' mi disturba.
Tutto quello che faccio nella vita, per una forma innata di demenza, la associo alla musica. Vero, non scherzo; un piatto, la macchina, gli amici, l'amore.
E così, parlando con quella santa donna che mi ha sposato.....
- "..teo..."
-" oh..."
-" brutta storia eh?"
-" decisamente"
-" ma tu....quando ci siamo incontrati, come hai capito che potevo essere quella giusta?"
- (potrebbe essere una domanda a trabocchetto)
- "oh, semo, davvero... eri già sicuro"
-" Simo, io non sono sicuro nemmeno quando sono sul water.... non ero sicuro, l'ho presa come mi è stata data...(sorrisino malizioso)
-" ma dai coglione, non hai sentito le campane guardandomi negli occhi?"
- ..........

In quel preciso momento, ho realizzato.
Mi sono ricordato cosa udì la mia mente d'artificio.
Le campane?
no...
FOXY LADY!!!!!!



Forza e coraggio.

sabato, luglio 12, 2008

Grazie JOHN!!!!!!!!!!!!!


Grazie John.
Grazie mille.

Questo post è puramente dedicato al mio amico John.
Amico, collega, stagista, compagno d'avventura e di musica.
Abbiamo faticato, ballato, cantato, sudato, mangiato e bevuto insieme.
E' il miglior stagista che abbia mai avuto, veramente.
Instancabile, sempre allegro, e volenteroso.
Rispecchia appieno le 3 V che esigo in uno stagista:
Volenteroso
Veloce
Versatile
In 5 mesi ha fatto il giro di tutta la cucina, trovando il suo spazio, perfezionando il lavoro suo e degli altri.
Questo ringraziamento gli è dovuto, anche se l'ho detto personalmente anche a lui.
Il giorno prima di finire mi ha chiesto qual'è stato il momento più bello dei giorni trascorsi con lui in cucina...beh ho risposto all'istante!
QUESTO!!!!

www.jfinitaly.blogspot.com






giovedì, luglio 10, 2008

Baguette...alzati e cammina....



Un post stupido, degno di un cuoco in ferie.
Appena prima di concludere il lavoro in ristornate, ho sbagliato ad infornare le baguettes, dimenticandomene una nella camera di lievitazione.
Mauro s'è imbufalito e m'ha sgridato dicendomi che la demenza senile avanza e stizzito m'ha sbattuto la baguette extra-lievitata sul tavolo.
Nessun problema
Fossi stato nel periodo di tensione e massima concentrazione, ad un gesto del genere gliel'avrei fatta mangiare cruda e dall'orifizio sbagliato, invece con un placido sorriso ormai vacanziero, ho preso tra le mie mani la tremula baguette e l'ho tirata, poi intrecciata e di nuovo tirata ed intrecciata (tipo nudles cinesi).
Poi le ho sussurrato parole dolci ed ho atteso che riprendesse vita.
Beh dopo un'oretta l'ho cotta a casa ed era ottima.
L'ho tagliata ancora calda (LO SO CHE NON SI FA) e l'ho mangiata.

Ah, curiosità: il pane caldo, si taglia con il coltello bagnato; così non si attacca alla lama.

VIVA LE FERIE!!!!!!!!!!!

domenica, luglio 06, 2008

Maialiamo?

----POST VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI-------

Capisco che con questo caldo accendere il forno non è una grande idea, ma visto che in cucina è sempre e comunque acceso.....e poi sudato sono troppo secsi.

Decisi di maialare al meglio delle mie possibilità.
Carpii la coscia di malalino e la convinsi a concedersi alla mia virulenza.
Concessasi , la aprii lentamente e le sfilai l'osso con movimenti esperti e decisi.
La massaggiai, cospargendola di sale aromatico, come piace a lei.
Poi le infilai la carota....poi il sedano....poi il porro.......
ed infine un po' di lardo aromatico.
Bella, profumata, ricca, da mordere, ma non era il momento adatto.
Così la legai amorevolmente con i profumi dell'orto e la misi a riposare, tutta notte, assaporando già i piaceri del giorno che sarebbe nato di li a poco.
E così è stato dopo 3 ardenti ore di passione (a 145°) fu mia.
Il vino bianco annaffiò le gole arse dalla calura.

(E che super scarpetta nella teglia!!!!!!!!!)

mercoledì, luglio 02, 2008

premiato!!!!!!!!!!!!!


E andiaaaamooooooo.
premiato!
Grazie Morswna.
me lo merito, lo so, e mi fa piacere che siate invidiosi.
Ora premio altri 5 amiconi senza obbligarli a rigirare la frittata, ma almeno a ringraziarmi.
Juri lo stupido
(che è stupidamente geniale e m'ha offeso al ristorante davanti a tutti e prima o poi gliela farò pagare)
Niki
(che dal Nepal mi riempie di gioia e di amicizia)
Psycook
(che lotta ogni giorno con i fornelli e tutto il mondo culinario)
Tololy
(la mia amica Giordana perchè ha dei valori che tutti dovrebbero avere e conoscere)
Mio fratello
(che non scrive da anni sul suo blog, ma è mio fratello ed è metà del mio mondo)