martedì, gennaio 26, 2010

Il cinghiale....


Assenza giustificata......
ero in montagna a sciare......
e poi riprendere è sempre difficile.....
e diciamo che, visto il benvenuto che m'ha concesso il 2010, sarà un anno difficile.
Ma bando alle ciance.
Ho riproposto il cinghiale, visto il successo dello scorso anno ed ho apportato alcune modifiche, giusto per non farlo tale e quale.
In primis, ho cambiato il contorno, accompagnandolo con una giardiniera di verdure croccanti, cotte in aceto bianco, vino bianco e acqua (1/3+1/3+1/3) e sale, e poi conservate sotto vuoto con uno spicchio d'aglio in camicia, alcune foglie d'alloro e olio d'oliva.
Con il filetto ho fatto una tartar tagliata al coltello, condita con sale, pepe, prezzemolo, olio alle erbe (maggiorana, finocchio, timo) e un po' di rafano, il tutto sormontato da un tuorlo d'uovo poché ed un po' di tartufo nero.
Per la sella di cinghiale, la modifica sostanziale che ho apportato è la marinatura.
Pulisco la sella e la privo delle ossa, le pelli e i nervetti; poi porziono tagliandola prima per tutta la lunghezza (creando due filoni) e poi a tranci rettangolari da 180 g.
A questo punto, metto sottovuoto con un goccio di vino bianco, scorza d'arancia, rafano grattugiato e olio alle erbe. Vi rimarrà per almeno una notte, meglio se un giorno intero, in cella naturalmente. L'acidità del vino bianco, intenerisce le fibre e toglie un po' il sentore di selvatico.
Ora tolgo i tranci, li apro a tasca e li condisco con sale e pepe; li lego poi con due corde.
Conservo nuovamente sottovuoto.
La cottura dovrà essere rapida e a fuoco vivace, cercando di lasciare la carne rosa al cuore.
Sfumate con vino rosso.
E' importante farla riposare almeno 5 minuti al caldo dopo averla scottata.
Scaloppate e servite con il suo fondo di cottura deglassato.

11 commenti:

Rael's creek ha detto...

Bentornato, Berso! E grazie per la ricetta del cinghiale. Ho giusto un amico cacciatore da invitare a cena... ;)

berso ha detto...

ma non c'è di che....:-D

Baol ha detto...

Ebbravo eh! Te ne vai a sciare...

Bravo bravo :P

berso ha detto...

ogni tanto mi concedo qualche lusso...:-D

Anonimo ha detto...

Ciao Chef,
vedo che anche tu hai avuto 1 inizio difficile...mi sa che quest'anno sarà duro per tanti!
cmq grazie per il commento, come vedi ho diradato i post, non ho più il tempo fisico x scrivere e quando torno a casa nn vedo che il latto!
Ciao, nè!

Adriano ha detto...

Una ricettina veloce veloce :))
Bella però!!

オテモヤン ha detto...

オナニー
逆援助
SEX
フェラチオ
ソープ
逆援助
出張ホスト
手コキ
おっぱい
フェラチオ
中出し
セックス
デリヘル
包茎
逆援
性欲

AMSimo ha detto...

Ciao!
Partecipa anche tu al concorso del mese de LA CUCINA ITALIANA: IL BRASATO!

Per maggiori info:

http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

Scade il 10-03-10.

Buon lavoro!

Genny ha detto...

un piatto di lusso:D mi paice questo blog, non ti conoscevo!:D ma ti seguo:D

Roberto ha detto...

Ma a me avevono detto che, come il maiale, il cinghiale deve essere ben cotto ... tu dici di lasciarlo rosso all'interno! certo sarà più morbido, ma tenie e altre porcherie????

berso ha detto...

Il problema del cinghiale e' il gusto forte di selvaggio cHe ha il sangue. Molti cinghiali pero' sono d'allevamento e non sono cosi' forti. Altrimenti basta marinarlo qualche ora in vino bianco.