sabato, gennaio 28, 2006

MAIONESE D'AVOCADO


La preparazione è molto semplice ed è un ottimo abbinamento per dei piatti a base di crostacei.
1 avocado maturo
1 cucchiaio di ricotta di capra
100 ml d'olio d'oliva
il succo di mezzo limone
sale
pepe bianco
5 rametti di cerfoglio (sfogliati)
Pelare l'avocado, togliere il nocciolo centrale e tagliarlo a pezzetti. Mettere quindi tutti gli ingredienti in un cutter ben affilato e lasciare che al resto del lavoro ci pensi lui ;-D
aggiustare di sapore e servire a piacere.
ATTENZIONE: ci potrebbero essere due inconvenienti:
-l'avocado non è maturo
-dopo un paio di giorni si ossida
Nel primo caso, come potete vedere nella foto, basterà metterlo per un paio di minuti in microonde con una soluzione di acqua e limone, per farlo cuocere un po'. In questo caso si dovrà aggiungere un filo d'olio in più per compensare la cremosità che non ha ancora sviluppato l'avocado.
Nel secondo caso, non ci sono grandi rimedi, se non rifarlo fresco. Da maturo è più buono ed ha un sapore più pieno, da "giovane" potrebbe allappare un po'.
Per chi può permetterselo, aggiungere in entrambi i casi una puntina di clorofilla (più avanti vi spiegherò come estrarla)
BUONA CUCINA

7 commenti:

graziella ha detto...

Sarai anche nuovo, ma solo per quanto riguarda i blog! Sei un professionista e si vede! Bel blog! Ripasserò sicuramente! Graziella

Francesca ha detto...

clorofilla... ho bisogno di dettagli e spiegazioni:)
Ciao!

Francesca ha detto...

a proposito: il mio blog è http://francescav.splinder.com
Come mai non permetti di lasciare i commenti a chi non ha un blog su blogger... sono stata cpstretta a fare una registrazione al volo...

ape ha detto...

allora: io adoro l'avocado e tt i frutti esotici che ne derivano...
ma, ohimè per me, non son capace di mangiarlo e soprattutto sceglierlo..quelle tre volte che l'ho acquistato è andato "a profitti e perdite"...
però proverò anche qst ricetta
buon pomeriggio

ape ha detto...

ammazza, sto scrivendo ad un cuoco...io adoro cucinare e invidio voi cuochi che avete 6/7 fornelli a disposizione..
colgo allora l'occasione per avere da te delucidazioni sulla differenza tra guanciale e pancetta: certo che derivano da due parti del maiale diverse, ma vanno usate anche in piatti diversi? cioè: con l'amatriciana ci va il guanciale e la pancetta con la carbonara? è giusta qst intuizione?
capisco che ad un cuoco con il camice bianco è sciocco fare simili domande, ma anche qst è bene saperlo.
buon pomeriggio

ps: ma voi cuochi lavate i piatti?

berso ha detto...

Per FRANCESCA: SCUSAMI!! adesso permetterò a tutti di lasciare un commento(anche se non so come si fa....). Sappi che anche mio fratello mi ha BRUTALMENTE OFFESO perchè non riesce a lasciare commenti. P.S.ti ho già visitata...
Per APE: lasciando libero spazio ai gusti personali, io prediligo il guanciale in qualsiasi preparazione, perchè ha meno parte magra (carne) che potrebbe rendere la preparazione salata.
Infatti molti chef Marchigiani che conosco e che lavorano pesce, lo usano da accostare ai loro piatti.
ciao e grazie

berso ha detto...

SEMPRE PER APE......
quando è necessario, lavo anche i piatti. La collaborazione è un punto di forza per un ristorante, quindi.....
... olio di gomito....
senza che nessuno se ne approfitti, naturalmente.
ciao